“Animali notturni”
Il sottile gioco dell’ambiguità

“Animali notturni”. Quelli che la notte hanno gli occhi spalancati, perché i residui diurni, le paure e le colpe pesano come macigni sulla mente, non cedendo il passo all’onirico.

Continue reading ““Animali notturni”
Il sottile gioco dell’ambiguità”